I trasportatori di merci contrari alla nuova strategia dell’A22

Elmar MorandellLa nuova strategia che i gestori dell’A22 intendono intraprendere in caso di forti nevicate rischia di penalizzare notevolmente i trasportatori di merci altoatesini. Proprio per questo il presidente della sezione di mestiere di lvh.apa Elmar Morandell ha espresso tutte le proprie perplessità, presentando al contempo alcune proposte costruttive.

Le nevicate delle ultime settimane hanno causato non pochi disagi in tutto l’Alto Adige e la viabilità sull’A22 del Brennero è stata a sua volta gravemente penalizzata. Eppure, la nuova strategia che i gestori dell’arteria autostradale intendono adottare per evitare le lunghe code ha destato molte perplessità. L’intenzione sembra infatti quella di deviare o addirittura bloccare i mezzi pesanti in transito sull’A22, penalizzando in tal modo soprattutto i trasportatori di merci locali. A seguito di questa strategia restrittiva inoltre, i conducenti non riescono in molti casi a tornare a casa e la questione rischia dunque di diventare anche una problematica di natura sociale. Per questo motivo il presidente dei Trasportatori di merci lvh.apa Elmar Morandell ha immediatamente reagito, esprimendo tutte le proprie perplessità: “Premesso che non capisco dove si vogliano sistemare i camion vista l’attuale mancanza di aree di sosta adibite a questo scopo, ritengo questa nuova strategia quantomeno rivedibile – ha affermato il presidente -. I responsabili dovrebbero per prima cosa mettere a disposizione lungo l’A22 delle strutture, nello specifico parcheggi per mezzi pesanti, in cui sistemare i camion ed i rispettivi autisti. Per fare in modo che il fermo non sia sostanzialmente sinonimo di un sequestro di persona, bisognerebbe inoltre garantire agli autisti pasti caldi ed un servizio sanitario a disposizione in caso di emergenza.” Il tutto senza dimenticare il fattore economico, altro aspetto penalizzante della faccenda: “Visti i gravi ritardi, bisognerebbe prendere in considerazione una soluzione già prevista nel Regolamento UE – ha aggiunto Morandell -. Nello specifico le forze dell’ordine dovrebbero garantire agli autisti un timbro sulla stampa del tachigrafo, utile per ripartire non appena le condizioni meteo lo permettano.” L’analisi dell’artigiano si concentra infine su un ultimo punto ed in particolare su coloro che talvolta sono i veri responsabili delle code in autostrada: “Quasi sempre si parla solo dei mezzi pesanti – ha concluso il presidente -, ma in molti casi chi blocca il traffico quando nevica sono i turisti che si presentano sull’autostrada senza aver montato le gomme invernali. Credo che lo stop dovrebbe valere anche per loro.”

 

Prego effettuare il login per poter commentare questo articolo.

Ti informiamo che questo sito utilizza cookie propri tecnici e di terze parti per consentirti una migliore navigazione ed un corretto funzionamento delle pagine web.