“L’obiettivo? Un nuovo Governo con al centro le PMI”

Seguendo l’esempio di Confartigianato, anche i vertici di lvh.apa hanno deciso di augurare “buon lavoro” al nuovo Esecutivo guidato dal Presidente del Consiglio Giuseppe Conte. I traguardi primari sono un nuovo slancio per il paese ed uno spazio adeguato alle esigenze delle microimprese e delle PMI. Senza dimenticare la valorizzazione di un modello di successo come quello dell’apprendistato. 

Nella foto: Il presidente di lvh.apa Martin Haller.

La squadra del nuovo Governo guidato dal Presidente Giuseppe Conte è stata ufficializzata negli ultimi, concitati giorni. Nella giornata di ieri lo stesso Conte ha avuto modo di presentare a grandi linee il programma del nuovo Esecutivo. Da qui la scelta della presidenza di lvh.apa Confartigianato Imprese di unirsi agli auguri dei vertici nazionali di categoria, nell’ottica di poter finalmente contare su un Governo in grado di centrare alcuni obiettivi primari per il settore.

“Quello di cui tutte le microimprese e le PMI italiane hanno bisogno è un programma idoneo a restituire fiducia, stabilità e slancio all’iniziativa economica – ha osservato il presidente di lvh.apa Martin Haller -. Il tutto deve avvenire ponendo le realtà di piccole dimensioni ed in particolare l’artigianato al centro delle strategie chiamate a garantire un adeguato sviluppo all’Italia. Tra gli aspetti chiave in ottica di bilancio non dovranno inoltre mancare gli investimenti nelle infrastrutture materiali ed immateriali, così come un’adeguata riduzione del carico fiscale.”

I vertici di lvh.apa hanno parimenti confermato la propria disponibilità a collaborare con il nuovo Governo e con i Ministri che lo compongono, in particolare nell’ottica di una garanzia di crescita in termini di sviluppo, innovazione, occupazione, valorizzazione dei prodotti “made in Italy” e competitività sul mercato nazionale ed internazionale.

“Gli obiettivi delle aziende altoatesine continuano ad essere i medesimi e coincidono in gran parte con quelli delle PMI operanti nel resto d’Italia – ha concluso Haller -. Anche noi puntiamo ad esempio ad una semplificazione in ambito di appalti, utile per favorire l’accesso anche alle piccole imprese, così come a dei passi avanti nel campo del credito e degli sgravi fiscali. Da non dimenticare anche l’apprendistato: in quanto possessori di un know-how elevato in questo settore, non possiamo che condividere l’importanza di tale modello e le sue potenzialità nel garantire ai giovani un ingresso di valore nel mondo del lavoro. Confidiamo infine in una massiccia riduzione del numero delle leggi, così come dei procedimenti civili. Vogliamo essere fiduciosi e naturalmente auspichiamo che con questo Esecutivo i nostri traguardi diventino finalmente realtà.”

 

Prego effettuare il login per poter commentare questo articolo.

Ti informiamo che questo sito utilizza cookie propri tecnici e di terze parti per consentirti una migliore navigazione ed un corretto funzionamento delle pagine web.