Approvata la legge provinciale per la semplificazione delle procedure di aggiudicazione nel campo degli appalti

Di recente il Consiglio Provinciale ha approvato ad ampia maggioranza la proposta di legge provinciale atta a garantire delle semplificazioni nelle procedure legate all’assegnazione degli incarichi pubblici.

Il presidente di lvh.apa Martin Haller. I vertici di lvh.apa Confartigianato Imprese hanno espresso la propria soddisfazione per la decisione del Consiglio Provinciale. “La legge garantirà sensibili semplificazioni alle aziende altoatesine che si candidano allo svolgimento di appalti pubblici – ha spiegato il capogruppo della SVP Gert Lanz. All’interno della commissione legislativa competente proprio Lanz ha presentato una proposta di emendamento atta ad ancorare il principio della suddivisione in lotti quantitativi e qualitativi alla base delle direttive europee in tutti gli incarichi. “Si tratta di un principio chiave, che non dovrebbe venire mai tralasciato se si intende tutelare gli interessi delle microimprese e delle PMI – ha affermato il presidente di lvh.apa Martin Haller -. Proprio per questo siamo stati molto soddisfatti dell’approvazione della proposta.”

Un’ulteriore proposta di emendamento presentata da Lanz ha riguardato l’innalzamento dei limiti per l’affidamento diretto dei lavori nel campo delle forniture e dei servizi. “In questo ambito, come già avviene nelle prestazioni edili, in futuro sarà possibile assegnare incarichi diretti fino ad un massimo di 150.000 Euro. Una novità assolutamente positiva per le nostre aziende – ha aggiunto Haller.

Attraverso l’intervento del capogruppo della SVP è stato inoltre possibile impedire l’inasprimento delle sanzioni previsto nel testo originale della norma, così come la cancellazione per un massimo di un anno dagli elenchi per l’assegnazione degli appalti.

Infine, ma non per importanza, l’ulteriore successo ottenuto da Lanz nella sessione plenaria: in ambito di pagamenti per l’avanzamento dei lavori è stata raggiunta una rilevante semplificazione per le aziende soprattutto da un punto di vista economico. “Oltre al diritto per lo stato di avanzamento mensile dei lavori è stata resa possibile anche l’opportunità di conteggiare i pagamenti mensili in forma di acconti. Un indubbio vantaggio per le aziende – ha commentato lo stesso Lanz -. In futuro i subappaltatori potranno infine decidere se preferiscono il pagamento diretto oppure il pagamento attraverso la ditta principale.”

“Stiamo parlando di miglioramenti effettivi per le nostre aziende – ha concluso Haller -. Proprio per questo vogliamo ringraziare sentitamente il Consiglio Provinciale per aver approvato la legge e Gert Lanz per essersi attivato con grande impegno in favore degli artigiani altoatesini e delle loro priorità.”

Prego effettuare il login per poter commentare questo articolo.

Ti informiamo che questo sito utilizza cookie propri tecnici e di terze parti per consentirti una migliore navigazione ed un corretto funzionamento delle pagine web.