Caldaro - A stretto contatto con l’artigianato

Per due giorni gli studenti della scuola elementare di Pianizza di Sopra (Caldaro) hanno avuto l‘opportunità di conoscere più da vicino la variegata realtà dei mestieri pratici esistenti in Alto Adige. Nell’ambito della campagna d’informazione promossa da lvh.apa Confartigianato Imprese i ragazzi hanno visitato diverse aziende locali ed hanno compreso le opportunità che il mondo dell’artigianato mette a disposizione.

I protagonisti delle visite

Di recente gli studenti di quarta e quinta elementare della scuola di Pianizza di Sopra (Caldaro) hanno visitato cinque diverse ditte artigiane locali, con l’obiettivo di scoprire quanto più possibile sull’attività quotidiana di tali realtà. Il tutto con grande soddisfazione tanto dei giovani quanto degli operatori economici protagonisti dell’iniziativa. “Voglio ringraziare tutte le aziende che si sono rese disponibili per prendere parte a questo progetto in favore degli studenti – ha affermato il presidente comunale lvh.apa di Caldaro Elmar Morandell -. È davvero molto importante far appassionare i ragazzi ai mestieri pratici e noi vogliamo raggiungere insieme questo obiettivo.”

Nel corso del loro primo appuntamento con l’artigianato, gli alunni della scuola elementare sono stati accompagnati dall’artigiano Dietmar Zwerger alla panetteria Eisenstecken e nella ditta di lavorazione del metallo Metallbau Vorhauser. Nella prima tappa il titolare Reinhold Eisenstecken ha spiegato tutti i passaggi che portano quotidianamente il pane in tavola per la colazione, mentre nella seconda Martin Vorhauser ha mostrato ai piccoli ospiti tutte le componenti del proprio apprezzato lavoro.

Al termine delle due visite, i giovani hanno avuto un’ulteriore sorpresa. Un camion della ditta di Elmar Morandell (EMT) è stato infatti parcheggiato nel cortile della scuola ed i bambini hanno avuto l’opportunità di sedersi nella cabina del guidatore, avviare il motore e conoscere il funzionamento del mezzo. Il tutto con un chiaro obiettivo: comprendere appieno i pericoli derivanti dalla cosiddetta problematica dell’angolo cieco.

Nel corso della seconda giornata dedicata all’artigianato, i ragazzi hanno fatto dapprima visita alla carrozzeria Morandell, dove Christian Morandell ha avuto modo di preparare alcuni incarichi: gli studenti hanno così aiutato l’artigiano a sistemare dei paraurti ed a scegliere i colori giusti nei lavori sui veicoli. Nella falegnameria Hagemann il lavoro si è viceversa spostato sul materiale legno: Markus Hagemann ha spiegato ai presenti i singoli passi necessari per la realizzazione di un mobile.

“La varietà dei mestieri artigiani ha impressionato gli alunni della scuola elementare – hanno affermato con soddisfazione i coordinatori del progetto di visita nelle aziende Elmar Morandell e Robert Stuppner -. Cercheremo di riproporre questa importante iniziativa anche il prossimo anno.”

 

 

Prego effettuare il login per poter commentare questo articolo.

Ti informiamo che questo sito utilizza cookie propri tecnici e di terze parti per consentirti una migliore navigazione ed un corretto funzionamento delle pagine web.