Convegno PRO CAMINO: un grande successo

In occasione del convegno per addetti ai lavori PRO CAMINO è stato spiegato come costruire, abitare e vivere in modo naturale grazie alle stufe a legna.

La platea. La platea. Una fonte di riscaldamento dovrebbe essere economica, efficiente da un punto di vista energetico e duratura nel tempo. Chi riscalda naturalmente ed in modo ecologico con un camino, può contare su diversi vantaggi: la qualità di vita cresce, così come migliorano la flessibilità e l’indipendenza, la sicurezza viene garantita e l’economicità assicurata. Al fine di illustrare il valore aggiunto garantito da camini e stufe, gli Spazzacamini ed i Fumisti lvh.apa hanno dato vita di concerto con l’Agenzia CasaClima al primo convegno PRO CAMINO.

“Con la scelta della tipologia di riscaldamento nella propria abitazione, i proprietari sono chiamati a prendere una decisione importante – ha spiegato il presidente dei Fumisti Christian Gross -. Quest’ultima non va ponderata unicamente per quanto concerne le spese per gli investimenti, bensì anche in riferimento allo sviluppo dei costi aziendali.” Aspetti come i prezzi dell’energia in crescita, le situazioni di approvvigionamento incerte e la protezione dell’ambiente dovrebbero essere presi in considerazione nella scelta delle sorgenti di calore. Il riscaldamento e la creazione di acqua calda sono tra le operazioni che generano il maggior consumo energetico e presentano il maggior potenziale di risparmio per una famiglia. “Una stufa in maiolica o a legna rendono indipendenti dai prezzi dell’energia e garantiscono un’opportunità di riscaldamento anche nel caso di un’interruzione di corrente – ha ricordato il presidente degli Spazzacamini lvh.apa Christian Resch -. Tra le soluzioni possibili vi è la combinazione con altre tecnologie di riscaldamento e fonti energetiche, per un approccio ibrido in grado di garantire ancor più indipendenza, flessibilità e certezza nell’approvvigionamento. Al contempo il legno a CO² neutro è una fonte regionale rinnovabile ed è sia relativamente economico da acquistare che facile da immagazzinare.”

Ulrich Klammsteiner, direttore tecnico dell’Agenzia CasaClima ha aggiunto alcuni aspetti significativi: “I nostri dati relativi alla certificazione degli edifici hanno mostrato che in Alto Adige il legno e la biomassa costituiscono i vettori energetici dominanti, sia per quanto concerne i nuovi edifici che per quanto riguarda i risanamenti energetici. La tendenza verso la biomassa è sinonimo di nuove sfide per il futuro: significa conservare gli elevati standard locali in termini di esecuzione, controllo, manutenzione e collegarli con nuove tecnologie per la diminuzione delle emissioni in sistemi combinati ed intelligenti. L’obiettivo finale non è unicamente contribuire ad una diminuzione nella produzione di CO², bensì anche garantire efficienza energetica e confort per l’utilizzatore.” Complessivamente alla manifestazione hanno preso parte circa 200 ingegneri, architetti, progettisti ed artigiani.

Prego effettuare il login per poter commentare questo articolo.

Ti informiamo che questo sito utilizza cookie propri tecnici e di terze parti per consentirti una migliore navigazione ed un corretto funzionamento delle pagine web.