L’Associazione dei Maestri in visita a Salisburgo

L’Associazione provinciale dei Maestri ha organizzato di recente un viaggio di apprendimento a Salisburgo. Nei due giorni in Austria, i partecipanti hanno avuto l’opportunità di prendere parte ad appassionanti convegni e visite guidate.

I Maestri in visita alla Porsche di SalisburgoAnche in Austria ci si trova di fronte all’impegnativa sfida di appassionare sempre più giovani all’apprendistato. Alcune grandi aziende hanno trovato delle strade interessanti per chiarire ai giovani le opportunità fornite dalla formazione professionale. Si pensi alla Porsche di Salisburgo, dove le candidature degli apprendisti si svolgono online. Ogni anno 40.000 interessati contattano il sito web della ditta e 2000 persone fanno il test online. Tra chi si è candidato, in 600 vengono chiamati per un giorno di prova e 200 apprendisti all’anno vengono reclutati in tutta l’Austria. Oltre alla formazione professionale quotidiana si svolgono inoltre sessioni di allenamento regolari nel centro di formazione interno, con moduli pratici e di e-learning. La Porsche offre inoltre alle ragazze l’opportunità di partecipare ad un Girls-Camp, nel quale si impara ad avere successo in un mondo tradizionalmente dominato dagli uomini. Grande rilevanza viene inoltre attribuita al dialogo con i collaboratori: in quest’ultimo gli apprendisti parlano dei loro obiettivi, delle prestazioni e dello sviluppo personale. I migliori 15 apprendisti si possono infine classificare per il “Best of Club”, con l’obiettivo di venire invitati ad un viaggio. Al fine di garantire la migliore formazione possibile agli apprendisti, anche i responsabili della formazione vengono sottoposti a determinate responsabilità. Essi devono ad esempio svolgere una formazione di un anno: “È impressionante quante iniziative la Porsche metta a disposizione dei giovani per la loro soddisfazione – ha sottolineato il Presidente dei Maestri Martin Haller, a sua volta presente a Salisburgo -. Altrettanto fuori dal comune è la relazione personale tra apprendisti e formatori. È difficile da credere che si stia parlando di un colosso mondiale del settore.”

Talenti da sostenere, rinforzare ed allenare

I componenti dell’Associazione dei Maestri hanno sfruttato questo viaggio d’apprendimento anche per conoscere da vicino il “Talent Center”, pronto ben presto a sorgere anche in Alto Adige. La visita del centro per l’orientamento alla professione è stata caratterizzata dai test di autovalutazione, capaci di garantire un risultato significativo ed oggettivo sui talenti ed il potenziale di chi lo esegue. Gli ospiti altoatesini hanno così potuto testare le proprie capacità in situazione di stress, le loro abilità motorie e la loro destrezza.

Prego effettuare il login per poter commentare questo articolo.

Ti informiamo che questo sito utilizza cookie propri tecnici e di terze parti per consentirti una migliore navigazione ed un corretto funzionamento delle pagine web.