Lockout nei lavori all’estero

 

Il decreto del 16.05.2020 prevede che i collaboratori delle ditte italiane con sede principale o succursale in Italia abbiano nuovamente l’opportunità di lavorare all’estero fino ad un massimo di cinque giorni (72 ore più ulteriori 48 ore) senza dover essere sottoposti ad un periodo di quarantena al loro ritorno.

I collaboratori devono compilare un’autodichiarazione specifica e portarla con sé: https://www.interno.gov.it/sites/default/files/allegati/nuovo_modello_autodichiarazione_editabile_maggio_2020.pdf.

Qualora l’impegno lavorativo debba essere prolungato di ulteriori 48 ore, è necessario compilare una seconda autodichiarazione.

Al contempo è necessario rispettare i requisiti d’ingresso specifici previsti nei diversi Paesi.  

Lavorare all´estero

 

Prego effettuare il login per poter commentare questo articolo.

Ti informiamo che questo sito utilizza cookie propri tecnici e di terze parti per consentirti una migliore navigazione ed un corretto funzionamento delle pagine web.