L’Associazione dei Maestri entra a far parte della Camera di Commercio

L’Associazione provinciale dei Maestri è stata incorporata all’interno della Camera di Commercio di Bolzano. Così facendo in futuro i Maestri avranno ancor più opportunità di far valere i propri interessi.

(da sinistra): Alfred Aberer, Stefanie Mayr, Michl Ebner, Peter Mayrl, Andreas Köhne, Christine Frei e Horst Pichler.L’Associazione provinciale dei Maestri può contare attualmente su oltre 500 iscritti. A partire dalla sua fondazione, avvenuta circa sette anni or sono, l’organizzazione si è sempre adoperata per tutelare gli interessi dei Maestri in Alto Adige. “Siamo partiti con il triplice obiettivo di migliorare la visibilità dei Maestri, di implementare la considerazione verso questo percorso formativo e di far appassionare i giovani ad una formazione di questo tenore – ha spiegato il presidente dei Maestri Peter Mayrl.

Nell’ambito di questo percorso è del resto possibile apprendere e rafforzare importanti competenze. Si acquisiscono le capacità necessarie per rimanere competitivi quotidianamente e per affrontare le sfide di ogni giorno. La formazione di Maestro è infatti la qualifica più elevata nel campo dei mestieri pratici: essa è sinonimo di esperti competenti e di persone in grado di guidare con grande professionalità la propria azienda. In passato la valenza di questo titolo è diminuita e proprio per questo è importante adeguare quanto prima la relativa formazione alle esigenze odierne. Un passaggio che richiede una rappresentanza d’interessi forte.

Ora è ufficiale: di recente l’Associazione dei Maestri è entrata a far parte della Camera di Commercio. Attraverso questo dislocamento, l’organizzazione è stata istituzionalizzata, ottenendo più presenza a livello pubblico ed una maggiore rilevanza. Martin Haller, presidente di lvh.apa e primo presidente dei Maestri, è stato il primo ad avere questa idea. Un passaggio che è arrivato dopo la redazione di un elenco dei Maestri, nel quale sono stati riuniti tutti gli operatori economici in possesso del titolo ed operanti nei settori dell’industria, del commercio, dell’artigianato e della gastronomia. Se in passato non vi erano la rilevanza giuridica ed una validità ufficiale, lo scorso anno questo passaggio è stato reso possibile da una legge provinciale.

In futuro la Camera di Commercio sosterrà l’Associazione dei Maestri anche da un punto di vista economico e dunque l’organizzazione potrà tutelare con forza sempre maggiore gli interessi della categoria. A tal proposito bisogna ricordare che tanto il presidente quanto il Consiglio dei Maestri sono volontari e che lo stesso Consiglio dei Maestri continua ad essere indipendente nelle proprie decisioni.
A breve tutti i soci dell’Associazione dei Maestri verranno informati sulle novità e sui vantaggi. L’assemblea generale dell’organizzazione è prevista per settembre e nell’occasione si presenteranno le novità e le connesse modifiche allo statuto. Non mancherà poi lo spazio per le premiazioni riservate ai Maestri di lunga data.

Un compito importante per l’Associazione sarà poi quello di sviluppare ulteriormente la formazione di Maestro, mentre uno dei prossimi passi sarà spostare anche la parte economica e legale, la direzione dell’organizzazione, all’interno della Camera di Commercio. Un passaggio importante anche nell’ottica della pianificazione e dell’organizzazione dei corsi.
La volontà è infine quella di proseguire l’ottima collaborazione con l’ufficio per l’apprendistato e la formazione di Maestro.

Prego effettuare il login per poter commentare questo articolo.

Ti informiamo che questo sito utilizza cookie propri tecnici e di terze parti per consentirti una migliore navigazione ed un corretto funzionamento delle pagine web.