Imprese movimento terra: incontro proficuo con l’assessore Alfreider

I rappresentanti della sezione di mestiere Imprese movimento terra di lvh.apa hanno presentato di recente alcune proposte concrete all’assessore Daniel Alfreider.

(da sinistra): il vice direttore lvh.apa Walter Pöhl, Armin Klapfer, Daniel Alfreider, Michael Hofer, Alexander Kaufmann ed Erwin Windegger.(da sinistra): il vice direttore lvh.apa Walter Pöhl, Armin Klapfer, Daniel Alfreider, Michael Hofer, Alexander Kaufmann ed Erwin Windegger.L’incontro tra i vertici della sezione di mestiere Imprese movimento terra di lvh.apa e l’assessore provinciale Daniel Alfreider non ha tradito le attese. Il presidente Michael Hofer ed i componenti della consulta di mestiere Armin Klapfer, Alexander Kaufmann ed Erwin Windegger hanno presentato diverse proposte interessanti in merito all’affidamento dei lavori urgenti. In questo campo l’assegnazione degli incarichi alle ditte locali è del resto molto preziosa e quasi necessaria per l’artigianato altoatesino. Quando si parla di misure urgenti o catastrofi naturali le imprese movimento terra costituiscono infatti un partner indispensabile. La sezione di mestiere ha evidenziato l’importanza di una rotazione a livello locale, da rispettare nel caso delle assegnazioni dirette.

L’auspicio degli artigiani di settore è un rafforzamento ulteriore del comparto edile. “Quando si costruisce bisogna prestare grande attenzione alla sicurezza dei cittadini – ha ricordato Hofer -. Parimenti significativa è la conservazione delle strutture, utile per garantire qualità ed un adeguato risparmio dei costi.” Come esempi sono stati a tal proposito considerati il risanamento delle strutture stradali ed in generale degli strati portanti. Su una consistente parte della rete stradale sarebbe necessario intervenire in tempi brevi e questo lavoro rappresenta un incarico decisamente gravoso tanto per l’amministrazione provinciale quanto per le imprese movimento terra chiamate a svolgere i lavori.
In occasione dell’incontro l’assessore Alfreider ha anche parlato dei fondi approvati per la costruzione e la manutenzione delle strade. A partire dall’inizio della sua carica si è infatti provveduto ad una riorganizzazione della pianificazione finanziaria locale, che si è rivelata utile per aumentare il volume degli incarichi di quasi il 30%: “In questo modo nel 2020 vi saranno a disposizione complessivamente 119 milioni di Euro per progetti di costruzione di strade in Alto Adige – ha spiegato l’assessore. Nel 2019 i milioni resi disponibili sono stati 85, nel 2018 viceversa 73. Secondo l’assessore in questo modo non sarà unicamente possibile realizzare diversi progetti di valore (si pensi alle circonvallazioni a Chienes, Bronzolo, Varna e Perca, nonché ad alcuni interventi a Bolzano), bensì si riuscirà a portare a termine anche svariati lavori di piccole e medie dimensioni per il risanamento e la tutela della rete stradale in tutto l’Alto Adige. Di conseguenza nel 2020 le gare saranno numerose e gli addetti ai lavori del settore potranno contare su un anno ricco di lavoro. Un passo avanti indubbiamente significativo, reso possibile dall’applicazione del nuovo piano finanziario ad opera della ripartizione provinciale competente in materia.

Prego effettuare il login per poter commentare questo articolo.

Ti informiamo che questo sito utilizza cookie propri tecnici e di terze parti per consentirti una migliore navigazione ed un corretto funzionamento delle pagine web.