TIS Technology Day sui alimentari: Innovazione da mordere

Alimenti freschi e naturali che si conservano a lungo, prodotti convenience sani e buoni come se fossero fatti in casa, prodotti regionali: ecco cosa vuole il cliente di oggi. Al TechnologyDay del TIS innovation park si è parlato di come gli imprenditori del settore alimentare possano seguire questi trend al meglio e quali tecnologie servono loro a questo scopo.


«Rispetto ad alcuni anni fa, il cliente di oggi ha altre esigenze verso gli alimenti. La società sta cambiando radicalmente e le aspettative verso il settore alimentare sono cambiate» afferma Bettina Schmid, manager dell'Area Alimenti & Benessere del TIS innovation park. Per questo motivo il TechnologyDay 2010 si è dedicato al tema degli alimenti all'insegna del motto: "Innovazione da mordere". «Per le imprese altoatesine del settore alimentare è importante essere informati sui trend più attuali e sulle tecnologie, per rispondere nel modo migliore ai desideri della clientela» continua Bettina Schmid.

Alimenti freschi e sani, allo stesso tempo convenience
Patrizia Stitz dell'impresa germanica Food Professionals ha parlato della tematica "L'innovazione nei cambiamenti del tempo": nel suo intervento ha raccontato come la società e conseguentemente anche i consumi nel corso degli anni siano cambiati e ha indicato in quale direzione le imprese del settore alimentare devono muoversi per poter convincere i consumatori di oggi. Il trend va nella direzione degli alimenti freschi e sani, allo stesso tempo convenience, quindi essere pronti in tempi brevi, alimenti che parallelamente devono anche essere conservabili a lungo, afferma il professor Emmerich Berghofer dell'Università delle risorse naturali e scienze biologiche applicate di Vienna (BOKU). Berghofer ha quindi spiegato ai partecipanti le nuove tecnologie di produzione nel settore alimentare, che elaborano le materie prime in modo delicato minimizzando l'impatto negativo delle tecnologie tradizionali e preservando le caratteristiche nutrizionali dell'alimento. Un esempio in questo senso sono i processi di conservazione non termici, cioè per esempio attraverso pressioni elevate.

L'aspetto di un alimento conta
Oggigiorno il consumatore dà molto valore agli alimenti sani, ma anche l'aspetto di un alimento ha un ruolo non indifferente, in quanto influenza le aspettative di gusto di un prodotto. Le possibilità che offrono i concentrati di frutta e verdura coloranti sono state illustrate da Hanspeter Alber nella sua relazione. Così è possibile per esempio evitare l'uso di coloranti sintetici - che nelle liste degli ingredienti sono identificabili grazie alla E all'inizio del nome - e impiegare al loro posto concentrati coloranti a base di bietola rossa o cavolo rosso. Sempre seguendo il trend della freschezza e della salute, Mareike Szelies del Verpackungsinstitut ofi Wien (Istituto per gli imballaggi di Vienna), ha spiegato quale può essere il contributo degli imballaggi. I cosiddetti imballaggi attivi possono, per esempio, assorbire l'ossigeno e permettere così che il prodotto mantenga le sue caratteristiche senza perdere sapore o colore. Gli imballaggi intelligenti possono addirittura segnalare al consumatore se il prodotto non è più fresco: ciò è reso possibile attraverso dei chip, che misurano la temperatura nel tempo.

Interventi degli imprenditori del settore alimentare in Alto Adige
Oltre alle relazioni tecniche i partecipanti hanno potuto ascoltare dalla viva voce di imprenditori del settore alimentare alcune delle loro esperienze. Andreas Loacker della Loacker SpA ha parlato della tematica dello sviluppo di prodotto presso la Loacker, Volker Veitl della Danone Research e Jaqueline Pante della Dr. Schär hanno mostrato come nelle loro imprese si cercano di soddisfare al meglio i desideri della clientela.
I colloqui con gli esperti durante il pomeriggio con i relatori della mattina e con altri esperti del settore alimentare sono stati sfruttati dagli imprenditori per domande riguardanti le loro imprese. Inoltre hanno avuto luogo due workshop: uno sul tema "Possibilità e rischi nello sviluppo di prodotto" e l'altro sul tema "Analisi sensoriale degli alimenti".

 

Ti informiamo che questo sito utilizza cookie propri tecnici e di terze parti per consentirti una migliore navigazione ed un corretto funzionamento delle pagine web.