Confermato il divieto di transito per i diesel Euro 3

L’odierno incontro tra le associazioni economiche, i rappresentanti della Provincia e l’amministrazione comunale di Bolzano non ha dato gli esiti sperati: il divieto di transito per i veicoli diesel di categoria Euro 3 entrerà in vigore a Bolzano senza eccezioni per gli artigiani a partire dal 1° gennaio 2020.

Il vice presidente lvh.apa Hannes Mussak (a destra) in occasione dell’odierno incontro.Nel corso dell’atteso appuntamento di questa mattina il sindaco di Bolzano Renzo Caramaschi ha parlato chiaro: il divieto di transito entrerà in vigore definitivamente dal 1° gennaio 2020 per i veicoli Euro 0, Euro 1, Euro 2 diesel ed Euro 3 diesel dal lunedì al venerdì (festivi esclusi) in orario 7-10 e 16-19. La priorità secondo Caramaschi è rappresentata dal miglioramento della qualità dell’aria nel capoluogo. Ciò significa che a partire dal nuovo anno chi disattenderà il divieto incorrerà anche in una sanzione.

Il vice presidente di lvh.apa Hannes Mussak ha commentato in questo modo la decisione: “Come già detto l’economia sostiene tutte le misure in favore dell’ambiente. Per ogni utente della strada dovrebbero tuttavia valere le medesime regole, senza la definizione di eccezioni solo in favore di determinati settori. Mi sembra che in questo caso le eccezioni siano numerose, ma non coinvolgano l’artigianato.” Il vice presidente nutre dei dubbi anche sull’effettivo miglioramento dei valori dell’aria, in particolare considerando che tra le 10 e le 16 il transito in città sarà permesso a tutte le tipologie di veicolo. “Quando si parla di simili misure si dovrebbe scegliere la strada più efficace e non quella più semplice – ha aggiunto Mussak -. Solo in questo caso un divieto di transito ha senso.”

In riferimento al 2021 ed al previsto divieto di transito per gli Euro 4 diesel lo stesso Mussak ha invitato le autorità competenti ad intervenire per garantire contributi e sovvenzioni in favore di chi deve acquistare nuovi veicoli: “Numerose aziende si trovano già sotto pressione, in quanto obbligate a rinnovare il proprio parco mezzi – ha concluso il vice presidente di lvh.apa e presidente del circondario Bolzano Città -. Il nostro consiglio è quello di acquistare veicoli Euro 6 e superiori. La nostra associazione cercherà di garantire dei vantaggi agli associati, in particolare attraverso delle convenzioni per condizioni speciali con i diversi concessionari. Prima di comprare un nuovo mezzo consigliamo in ogni caso alle aziende colpite di informarsi a dovere.”

Questi i veicoli esentati dal divieto:

a) Veicoli con alimentazione elettrica, ibrida (elettrico/benzina, metano/benzina, gpl/benzina, idrogeno), a GPL, a metano;
b) Motoveicoli e ciclomotori;
c) Veicoli con massa complessiva a pieno carico superiore alle 3,5t;
d) Veicoli utilizzati per il trasporto di portatori di handicap e di soggetti affetti da gravi patologie debitamente documentate con certificazione rilasciata dagli Enti competenti o persone che si recano presso strutture sanitarie per interventi di urgenza;
e) Ambulanze, autoveicoli di medici o veterinari (muniti dell'apposito contrassegno di "medico/veterinario in servizio"), veicoli per i servizi sociali alla persona [quelli in dotazione al Servizio socio-sanitario (ASSB e ASL e Comunità comprensoriale Salto Sciliar) o di Enti, o associazioni, o cooperative con esso convenzionati, destinati al trasporto di persone assistite, o degli alimenti destinati alle mense sociali, scolastiche o anziani], con certificazione in originale rilasciata da Enti, Aziende o Comunità comprensoriali;
f) Veicoli utilizzati da operatori assistenziali e sanitari in servizio, con certificazione dell'Ente/Associazione per cui operano, che dichiari che l'operatore sta prestando assistenza domiciliare a persone affette da patologie per cui l'assistenza domiciliare è indispensabile; veicoli utilizzati da persone che svolgono servizi di assistenza domiciliare a persone affette da grave patologia e con certificazione in originale rilasciata dagli Enti competenti o dal medico di famiglia;
g) Autobus adibiti al trasporto pubblico, taxi di turno e veicoli da noleggio con conducente;
h) Veicoli di proprietà o in uso di Enti pubblici, solo per i servizi istituzionali urgenti;
i) Veicoli del servizio postale, anche quando questo è gestito con appalti a privati, veicoli delle agenzie di recapiti urgenti, veicoli utilizzati da portalettere, con dichiarazione rilasciata dalla Direzione dell'Ufficio, in cui si attesta l'uso del veicolo privato per lo svolgimento del servizio con indicazione dell'orario di svolgimento del servizio stesso;
j) Veicoli delle Forze Armate, degli Organi di Polizia, dei Vigili del Fuoco, dei Servizi di Soccorso, della Protezione Civile in servizio, veicoli in uso di istituti di vigilanza muniti di scritte che li rendano individuabili;
k) Veicoli di proprietà o in uso a SEAB, anche quando il servizio è gestito con appalti a privati, utilizzati per i servizi gestiti dalla società, con esclusione dei mezzi non destinati strettamente alla “produzione” del servizio;
l) Veicoli di proprietà o in uso ad ENEL, Aziende per la telefonia, A.S.L., ALPERIA, ECO-CENTER, Aziende per il trasporto pubblico di linea, per esigenze connesse al regolare espletamento di un pubblico servizio
m) Macchinari e veicoli agricoli, autobetoniere, macchine operatrici, mezzi d’opera;
n) Veicoli con targa di prova utilizzati ai sensi dell’art. 98 e successive modificazioni del Codice della Strada; n
o) Veicoli condotti da turisti soggiornanti in strutture ricettive (solo arrivo e partenza);
p) Veicoli autorizzati dal Comando di Polizia Municipale per ragioni di emergenza o necessità straordinarie;
q) Veicoli al servizio di testate televisive con a bordo i mezzi di supporto, di ripresa, i gruppi elettrogeni, i ponti radio ecc., veicoli utilizzati da giornalisti iscritti all'Ordine in possesso di dichiarazione rilasciata dalla testata per cui lavorano, da cui risulti che sono in servizio negli orari del blocco;
r) Veicoli per il trasporto di farmaci e di bombole di ossigeno a nosocomi e farmacie;
s) Veicoli per uso speciale, come tali definiti ai sensi dell’art. 54 – lett. g) del vigente Codice della Strada, qui di seguito indicati:
- autospazzatrici;
- autospazzaneve;
- autopompe;
- autoinnaffiatrici;
- autoveicoli per la riparazione di linee elettriche;
- autoveicoli per il soccorso stradale e del servizio di rimozione;
- autofunebri;
- autoveicoli per disinfestazioni.

Inoltre:
- Vengono esclusi i veicoli Euro 3 che non sono destinati al trasporto di merci se il conducente ha 75 anni o più ed è allo stesso tempo il proprietario del veicolo.
- Per San Genesio e Sarentino è previsto un regolamento speciale attraverso una lista delle persone autorizzate.

Prego effettuare il login per poter commentare questo articolo.

Ti informiamo che questo sito utilizza cookie propri tecnici e di terze parti per consentirti una migliore navigazione ed un corretto funzionamento delle pagine web.