Installatori termosanitari: buona situazione degli incarichi, ma forza lavoro troppo ridotta

I rappresentanti degli installatori termosanitari di Alto Adige, Austria, Germania e Svizzera si sono incontrati ad Appiano per affrontare le tematiche principali del settore.

I protagonisti dell’incontroDi recente gli installatori sanitari di quattro Paesi si sono incontrati ad Appiano. I rappresentanti di Alto Adige, Austria, Germania e Svizzera hanno discusso in merito all’attuale situazione economica, allo sviluppo del mercato ed alla mancanza di forza lavoro. Le relazioni di tutti i presenti hanno evidenziato una buona situazione in riferimento agli incarichi, così come la mancanza di una sufficiente forza lavoro. Il tentativo di sostituire i lavoratori locali mancanti con lavoratori stranieri non ha sin qui funzionato. Il presidente della sezione di mestiere degli Installatori termosanitari lvh.apa Harald Kraler ha come obiettivo quello di ampliare l’offerta di base esistente in Alto Adige, in modo tale da rendere la formazione più interessante. Dal canto loro, gli esperti svizzeri hanno relazionato in tema di pubblicità per i giovani e di nuovo materiale didattico. Anche la delegazione austriaca ha posto l’attenzione sulla tematica della formazione. I rappresentanti tedeschi hanno infine discusso di digitalizzazione, concentrandosi sulle tecnologie smart e sul mondo del lavoro 4.0.
Nel corso dell’evento si è parlato anche di riscaldamento ad infrarossi, attualmente molto richiesto in considerazione dei ridotti costi d’investimento. Spesso tuttavia i consumatori non conoscono gli elevati costi aziendali che si nascondono dietro tale alternativa: un aspetto sul quale gli installatori intendono fare chiarezza. Le opinioni sono ancora differenti rispetto ad un’alternativa adeguata ai combustibili fossili ed a tal proposito serviranno dunque soluzioni più innovative. L’incontro si è concluso con la promessa di rinnovare anche in futuro l’importante collaborazione esistente in merito alle tematiche chiave del settore.

Prego effettuare il login per poter commentare questo articolo.

Ti informiamo che questo sito utilizza cookie propri tecnici e di terze parti per consentirti una migliore navigazione ed un corretto funzionamento delle pagine web.