Un pacchetto economico molto importante per le aziende

Dare immediatamente nuova linfa alla congiuntura economica locale è un passaggio cruciale, da mettere in pratica garantendo liquidità e trattando quanto prima i casi più urgenti. Proprio per questo i vertici di lvh.apa hanno salutato positivamente il pacchetto di misure economiche, sociali ed in favore delle famiglie presentato ieri dai rappresentanti politici altoatesini. L’invito è ora quello di mettere in pratica al più presto le proposte.

Il presidente di lvh.apa Martin Haller.Il presidente di lvh.apa Martin Haller.Il presidente della Giunta Provinciale Arno Kompatscher e l’assessore provinciale Philipp Achammer hanno presentato ieri nell’ambito di una conferenza stampa le prossime misure di sostegno previste a livello provinciale. Questo l’obiettivo primario del pacchetto Alto Adige: garantire la sopravvivenza delle aziende altoatesine e dei relativi posti di lavoro anche dopo la crisi Coronavirus/Covid-19. Proprio per questo motivo la Giunta Provinciale ha approvato un pacchetto di misure molto ampio, che prevede finanziamenti a fondo perduto tra un minimo di 3.000 ed un massimo di 10.000 Euro in favore delle micro e piccole imprese, il sostegno e la dotazione delle cooperative di garanzia, il differimento dei tassi sui prestiti relativi al fondo di rotazione e garanzie sui crediti. Al contempo vi è la volontà di semplificare e di applicare rapidamente le procedure. “Attraverso misure di diverso tenore le piccole e medie imprese sono destinate a ricevere un importante sostegno – ha affermato il presidente di lvh.apa Martin Haller -. Le novità sono indubbiamente molto positive per le numerose ditte locali di piccole dimensioni. Proprio per questa realtà i contributi in conto capitale diretti e veloci rappresentano la misura più efficiente, in particolar modo nella fase di ripartenza che ci troveremo di fronte. Voglio ringraziare la Giunta Provinciale per il lavoro svolto e naturalmente mi auguro che il motore dell’economia locale possa ripartire a breve.”

Il presidente di lvh.apa confida su un sostegno anche in riferimento alla cassa integrazione. “Di concerto con le parti sociali ci siamo rivolti alla Giunta Provinciale – ha spiegato lo stesso Haller. In concreto ci si è riferiti alle misure di ammortizzazione sociale, che nel settore dell’artigianato dovrebbero venire coperte dal relativo fondo di solidarietà bilaterale (FSBA). L’integrazione salariale in tutti gli altri settori economici dovrebbe essere viceversa finanziata dalla provincia. È giusto ed importante che in questa situazione tutti i collaboratori ricevano un conguaglio salariale – ha ricordato Haller -. Quello che non ci pare corretto è che questi settori vengano sostenuti dalla mano pubblica mentre gli artigiani, da sempre diligenti nel versare per anni nel proprio fondo, debbano per così dire autofinanziarsi la propria integrazione salariale.”

Prego effettuare il login per poter commentare questo articolo.

Ti informiamo che questo sito utilizza cookie propri tecnici e di terze parti per consentirti una migliore navigazione ed un corretto funzionamento delle pagine web.