Gli intagliatori a macchina riconfermano Runggaldier

Importante assemblea annuale per gli intagliatori a macchina di APA-Confartigianato Bolzano, che hanno di recente provveduto a confermare il proprio presidente uscente. Al vertice della sezione di mestiere resta Ivano Runggaldier di Santa Cristina. Chiaro anche l'intento degli artigiani della categoria: combattere la recessione puntando sulla qualità dei prodotti made in Alto Adige.


Per gli intagliatori a macchina il periodo natalizio rappresenta l'alta stagione. I pezzi per i diversi presepi continuano infatti ad essere molto richiesti nella nostra provincia. Le famiglie altoatesine non paiono infatti disposte a rinunciare all'antica tradizione di ritrovarsi intorno al presepe. Se poi questo è rappresentato da un'artistica composizione in legno, allora l'opera non può esimersi dal divenire un vero e proprio simbolo di spiritualità. Protagonisti di questa missione sono da tradizione gli intagliatori a macchina, tipicamente gardenesi: fabbricano pezzi unici e di elevato livello artistico, rifornendo tutto il mercato di raffinati prodotti made in Alto Adige. Una garanzia di qualità a cui si appiglia il settore, oggi in difficoltà ma comunque alla costante ricerca di proposte innovative. Una tematica, quest'ultima, che è stata per lunghi tratti al centro dell'attenzione in occasione dell'ultima assemblea generale della categoria. Un appuntamento che si è concluso con la conferma di Ivano Runggaldier nel ruolo di presidente degli intagliatori a macchina di APA-Confartigianato Bolzano. Nella consulta della sezione di mestiere sono invece entrati Raimund Fill, Walter Alfarei e Norbert Gafriller.

 

Ti informiamo che questo sito utilizza cookie propri tecnici e di terze parti per consentirti una migliore navigazione ed un corretto funzionamento delle pagine web.