Scalpellini: il ciclo delle pietre

Diorite, gneis, granito, calcare marmo, quarzo, riolite, arenaria; l'ampia gamma di pietre naturali è stato il tema dell'assemblea annuale di scalpellini e scultori di quest'anno.


Da secoli le pietre naturali sono un prezioso materiale per il rivestimento di pareti, pavimenti, facciate e scale. Negli ultimi anni la presenza delle pietre naturali è sempre più diffusa, tanto che gli artigiani debbono avere una conoscenza tecnica profonda per potere utilizzare la malta più adatta nella posa delle pietre naturali sconosciute onde evitare colorazioni inattese. Quando si presentano in genere è già troppo tardi e bisogna quindi ricostruire quanto realizzato. L'esperto di mineralogia Michel Böttner ha informato gli scalpellini presenti sulla necessità di conoscere molto bene le caratteristiche dei materiali onde evitare sin a priori eventuali pericoli. Il capo mestiere Hans Karl Trojer ha invece relazionato sulla campagna promozionale in corso sull'allestimento delle tombe: "noi scalpellini e scultori dell'APA contribuiamo a mantenere il patrimonio culturale locale, a curare la cultura cimiteriale ed a svilupparla ulteriormente nonché a sensibilizzare la popolazione altoatesina sulla cultura tombale." Anche quest'anno è in programma un convegno su questo tema ed inoltre la sezione di mestiere vuole collaborare con i fabbri e presentarsi alle fiere. Markus Bernard, presidente della CEPA ha informato gli artigiani presenti sulla nuova cassa provinciale dell'' Alto Adige.

 

Ti informiamo che questo sito utilizza cookie propri tecnici e di terze parti per consentirti una migliore navigazione ed un corretto funzionamento delle pagine web.