Menu close
A cosa sei interessato?
IT

Maternità per i lavoratori autonomi

Le madri lavoratrici autonome hanno diritto all'indennità di maternità (art. 66 e seguenti dell'ET) due mesi prima e tre mesi dopo la nascita del bambino.

In caso di adozione o affidamento di un figlio minorenne, il beneficio è concesso anche (legge n. 184/1983) per i tre mesi successivi alla presa in carico del bambino, a condizione che il bambino non abbia superato i sei anni (in caso di adozione/affidamento italiano) o i 18 anni (in caso di adozione/affidamento internazionale).

La madre lavoratrice autonoma può continuare a lavorare.
I padri lavoratori autonomi non hanno diritto a questa prestazione.

Il vostro referente di lvh.apa
Maternità per i lavoratori autonomi
Andreas Innerhofer
Coordinatore Patronato INAPA
Ufficio circondariale di Merano
Maternità per i lavoratori autonomi
Klaus Dander
Patronato INAPA
Ufficio circondariale di Brunico
E-Mail:  inapa@lvh.it
Maternità per i lavoratori autonomi
Sonia Kompatscher
Patronato INAPA
Sede centrale di Bolzano
Maternità per i lavoratori autonomi
dott.ssa Annalisa Petilli
Patronato INAPA
Sede centrale di Bolzano
Maternità per i lavoratori autonomi
Johanna Thaler
Patronato INAPA
Ufficio circondariale di Bressanone
E-Mail:  inapa@lvh.it
/
Chi ha diritto a questo beneficio?
Entità dei benefici
Chi paga questa prestazione?
La richiesta

Chi ha diritto a questo beneficio?

Hanno diritto a questo beneficio le artigiane, le imprenditrici, gli agricoltori, gli affittuari, i mezzadri, gli imprenditori agricoli, così come i lavoratori autonomi che svolgono attività di pesca (marina e nelle acque interne), ai sensi della legge n° 250 del 13 marzo 1958, modificata, e che sono registrati presso l'amministrazione INPS in base al settore d’attività. Per avere diritto alla prestazione, i contributi devono essere regolarmente versati anche durante il periodo di maternità (due mesi prima e tre mesi dopo la nascita).

L'indennità di maternità può essere richiesta anche se la madre si iscrive in un'amministrazione INPS dopo l'inizio della maternità, ovvero:

  • Se la registrazione viene richiesta entro i termini di legge (cioè entro 30 giorni dall'inizio dell'attività per le artigiane e le imprenditrici ed entro 90 giorni dall'inizio dell'attività per le altre categorie):
  • In caso di inizio del lavoro prima dell'inizio della maternità, l'indennità è dovuta secondo le condizioni sopra citate (per tutto il periodo di maternità). L'intero periodo è inoltre coperto da contributi.
  • In caso di assunzione dopo l'inizio della maternità, l'indennità è pagabile per il periodo a partire dalla data di inizio del lavoro.
  • Se la registrazione viene richiesta dopo i suddetti termini legali, l'indennità di maternità si può versare dalla data corrispondente della domanda.

Entità dei benefici

In caso di nascita (due mesi prima e tre mesi dopo) e in caso di adozione o affidamento (tre mesi dalla data di ingresso in casa del minore adottato o affidato nella famiglia), l'indennità di maternità è pagata al tasso dell'80% del salario giornaliero, che è determinato annualmente in base al tipo di lavoro svolto.

Se la gravidanza viene interrotta dopo il 3° mese, la prestazione viene pagata per 30 giorni. Se invece la gravidanza si interrompe dopo il 180° giorno, si applicano le medesime condizioni in essere per il parto.

Chi paga questa prestazione?

L'indennità di maternità è pagata direttamente dall’INPS. Il metodo di pagamento può essere scelto nella domanda:

  • In contanti all'ufficio postale,
  • Attraverso accredito sul conto bancario o postale.

La richiesta

La domanda per l'indennità di maternità deve essere presentata all’INPS in via telematica, ovvero:

  • A mezzo web - Attraverso i servizi online del portale Internet INPS, al quale il cittadino ha accesso tramite un PIN;
  • Attraverso gli uffici del patronato - Utilizzando i servizi telematici forniti da questi ultimi.

Nel caso delle madri lavoratrici autonome, la domanda deve essere presentata dopo la nascita del bambino e in ogni caso entro un anno dalla fine del periodo ammissibile per le prestazioni affinché la persona interessata non perda il diritto alle prestazioni.

Anche questo potrebbe interessarvi

Congedo parentale gestione separata
Congedo parentale per salariati
Congedo parentale per lavoratori autonomi
Maternità obbligatoria nella gestione separata
Maternità lavoro dipendenti
/
Hai altre domande?
1
/
1
Maternità per i lavoratori autonomi