Menu close
A cosa sei interessato?
IT
Home > La guida dell’INAIL per contrastare il rischio caldo sul posto di lavoro
News

La guida dell’INAIL per contrastare il rischio caldo sul posto di lavoro

02/08/2022 |

Salute e sicurezza sul posto di lavoro: l’Istituto nazionale Assicurazione Infortuni sul Lavoro INAIL ha attualizzato di recente le proprie linee guida relative al regolamento da seguire sul posto di lavoro per scongiurare il rischio di esposizione al gran caldo estivo.

La rinnovata guida dell‘INAIL si rivolge a lavoratori, datori di lavoro e responsabili per la salute e la sicurezza in azienda e mira ad evitare possibili pericoli per la salute a causa dell’eccessivo caldo.

Nel manuale sono contenuti una serie di materiali informativi sulle condizioni di salute legate al caldo, raccomandazioni per una corretta gestione del rischio, malattie che aumentano i possibili danni derivanti da un’elevata esposizione al calore e la tematica della disidratazione e dell'organizzazione delle pause.

Il compito dei datori di lavoro è quello di adottare misure idonee ad un’attuazione efficace delle suddette linee guida, a partire dalla selezione di una persona responsabile in azienda in grado di mantenere un piano di monitoraggio per prevenire gli effetti dello stress da caldo. Per questo motivo le misure di protezione da adottare sono fondamentali, così come lo sono la prevenzione e la formazione dei lavoratori, nell’ottica di aumentare la consapevolezza degli effetti sulla salute dello stress da calore.

L‘INAIL consiglia le seguenti misure preventive:

1) Massima attenzione all’idratazione dei lavoratori;

2) Abbigliamento adeguato (preferibilmente di colore chiaro, leggero e in fibre naturali, traspirante e in grado di coprire la maggior parte possibile del corpo);

3) Riorganizzazione degli orari e dei turni di lavoro;

4) Accesso a zone ombreggiate o climatizzate durante le pause;

5) Implementazione del "sistema dei partner" per la supervisione reciproca dei lavoratori, soprattutto nelle ore del giorno in cui le temperature sono particolarmente elevate e in generale durante le ondate di calore;

6) Favorire l'acclimatazione dei lavoratori attraverso un aumento graduale del lavoro e del carico termico, garantendo l’opportunità di svolgere frequenti pause per rifornirsi d’acqua e riposare all'ombra;

7) Un piano di sorveglianza, da redigere in collaborazione con il medico curante e il responsabile della sicurezza, per il monitoraggio di segnali e sintomi relativi a malattie legate al caldo e per garantire le misure di emergenza necessarie a fornire una diagnosi ed un trattamento tempestivi;

8. Misure specifiche per i luoghi di lavoro interni.

La guida può essere consultata sul sito dell’INAIL o al seguente link

Foto: © aomas/ Shutterstock.com

Hai altre domande?
1
/
1
La guida dell’INAIL per contrastare il rischio caldo sul posto di lavoro