Menu close
A cosa sei interessato?
IT

La pensione di reversibilità

La pensione di reversibilità è una prestazione finanziaria che possono richiedere i familiari:

  • Di un pensionato deceduto (sotto forma di pensione trasferibile);
  • Di un lavoratore deceduto (sotto forma di pensione indiretta).
Il vostro referente di lvh.apa
La pensione di reversibilità
Andreas Innerhofer
Coordinatore Patronato INAPA
Ufficio circondariale di Merano
La pensione di reversibilità
Klaus Dander
Patronato INAPA
Ufficio circondariale di Brunico
E-Mail:  inapa@lvh.it
La pensione di reversibilità
Sonia Kompatscher
Patronato INAPA
Sede centrale di Bolzano
La pensione di reversibilità
dott.ssa Annalisa Petilli
Patronato INAPA
Sede centrale di Bolzano
La pensione di reversibilità
Johanna Thaler
Patronato INAPA
Ufficio circondariale di Bressanone
E-Mail:  inapa@lvh.it
/
Chi ha diritto a questa beneficio?
Riscarcimento in caso di morte
Pagamento speciale una tantum
La richiesta
Quando è disponibile questo beneficio?
Qual è il beneficio?

Chi ha diritto a questa beneficio?

Hanno diritto alla pensione di reversibilità:

  • Il coniuge superstite, anche se era già separato: tuttavia, se al coniuge superstite è stato ceduto il debito al momento della separazione, quest’ultimo ha diritto alla pensione solo se il tribunale gli ha concesso gli alimenti;
  • Il coniuge divorziato, se il mantenimento gli è stato assegnato nella sentenza di divorzio;
  • I figli (legittimi o legittimati, adottati o affidati, figli legalmente o giudizialmente riconosciuti di un precedente matrimonio dell'altro coniuge), se sono minorenni, inabili (totalmente inabili), studenti di scuola superiore o universitari al momento della morte del genitore e hanno quindi diritto a una pensione.
  • I nipoti minori (e i parenti di pari grado) se vivevano interamente a carico dei loro parenti (nonna o nonno) al momento della loro morte.

Se non ci sono coniuge, figli, nipoti o genitori, la pensione può essere pagata anche alle seguenti persone:

  • I fratelli o le sorelle inabili non sposati che non ricevono una pensione propria e che vivevano a carico del dipendente o del pensionato al momento del suo decesso.

Requisti

Se il defunto è una persona non pensionata che esercita un'attività remunerativa, devono essere provati i seguenti requisiti:

  • Almeno 15 anni di contributi (come applicato alla pensione di anzianità prima dell'entrata in vigore del CVD n. 503/92);
  • Almeno cinque anni di contributi, di cui almeno tre versati nei cinque anni precedenti alla data del decesso (come applicato all'indennità di invalidità).

Riscarcimento in caso di morte

Se il defunto era assicurato al 31.12.1995 e non aveva ancora raggiunto le condizioni richieste al momento della sua morte, il superstite può richiedere un risarcimento per la sua morte se:

  • Il lavoratore dipendente è deceduto senza percepire la pensione;
  • Nessuno dei superstiti ha diritto alla pensione indiretta perché non sono state soddisfatte le condizioni richieste per ottenerla;
  • Almeno un anno di contributi è stato versato durante i cinque anni precedenti al decesso.

Questo risarcimento può essere richiesto entro un anno dalla morte della persona assicurata.

Pagamento speciale una tantum

Se il lavoratore deceduto era assicurato dopo il 31.12.1995 e non aveva ancora raggiunto le condizioni richieste al momento della sua morte, il superstite può richiedere un risarcimento per la sua morte se:

  • Le condizioni assicurative e contributive richieste per la pensione indiretta non sono soddisfatte;
  • Non ha diritto a una rendita e la morte dell'assicurato è stata causata da un incidente sul lavoro o da una malattia professionale;
  • Ha un reddito che non supera i limiti di reddito applicabili per la concessione dell'assegno sociale.

La richiesta

La domanda deve essere presentata esclusivamente attraverso uno dei seguenti canali:

  • A mezzo web - Attraverso i servizi online del portale Internet INPS, al quale il cittadino ha accesso con il proprio PIN;
  • Attraverso i patronati o gli intermediari, utilizzando i servizi telematici offerti da questi ultimi.

Quando è disponibile questo beneficio?

La pensione di reversibilità è pagabile a partire dal 1° giorno del mese successivo al decesso della persona assicurata o del pensionato, indipendentemente dalla data di presentazione della domanda.

Qual è il beneficio?

Per il calcolo dell'importo della prestazione a cui i superstiti hanno diritto, la pensione presa in considerazione è la pensione

  • che sarebbe stata dovuta al dipendente deceduto;
  • che è stata pagata al pensionato deceduto.

Saranno assegnate le percentuali previste dalla legge n. 335/95:

  • 60%, solo il coniuge
  • 70%, un solo bambino
  • 80%, coniuge e un figlio o due figli e nessun coniuge
  • 100%, il coniuge e due o più figli, o tre o più figli;
  • 15%, qualsiasi altro membro della famiglia idoneo (tranne il coniuge, i figli e i nipoti).

N.B.: Le pensioni pagate al coniuge superstite a partire dal 1° gennaio 2012 sono soggette a una riduzione della percentuale di cui sopra se:

  • il defunto ha contratto matrimonio solo dopo i 70 anni;
  • la differenza di età tra i due coniugi era più di 20 anni;
  • il matrimonio era stato contratto da meno di 10 anni.

La suddetta riduzione della pensione di reversibilità non si applica se ci sono figli minori, che studiano o sono incapaci.

Anche questo potrebbe interessarvi

La pensione ordinaria d'invalidità
L'assegno sociale
La pensione di inabilità al lavoro
/
Hai altre domande?
1
/
1
La pensione di reversibilità