I Maestri potranno diventare esperti della sezione Economia

Una nuova delibera nell’ambito della legge provinciale per il territorio ed il paesaggio rappresenta un segnale positivo per l’artigianato. A seguito di quest’ultima infatti, i Maestri con qualifiche adeguate potranno in futuro essere inclusi nel registro degli esperti relativo alla sezione Economia.

Il presidente di lvh.apa Martin Haller. Di recente la Giunta Provinciale ha dato il via libera alle linee guida relative all’elenco degli esperti per i settori Urbanistica, Natura, Paesaggio, Cultura edilizia, Economia, Sociale, Scienze agrarie e forestali e Pericoli naturali. Tali linee guida fissano le condizioni d’accesso nel relativo registro e la permanenza in quest’ultimo. L’elenco degli esperti costituisce la pietra miliare per le future commissioni comunali per il territorio ed il paesaggio, che saranno composte dai rispettivi sindaci e da sei esperti. La novità? In uno degli otto comparti previsti ed in particolare in quello economico, anche un Maestro potrà venire inserito nell’elenco. Le condizioni per l’accesso sono che il richiedente sia in possesso da almeno cinque anni del Titolo di Maestro, sia titolare di un’azienda da almeno cinque anni ed abbia almeno cinque collaboratori alle proprie dipendenze.

“Siamo molto soddisfatti per questa decisione e ringraziamo la Giunta Provinciale per la fiducia dimostrata – ha affermato il presidente di lvh.apa Martin Haller -. In questo modo i Maestri potranno mettere a disposizione le proprie conoscenze e la propria esperienza. Per l’artigianato questo rappresenta indubbiamente un passo importante per poter partecipare attivamente alla realizzazione della nuova legge provinciale territorio e paesaggio.” Nell’occasione Haller ha voluto ringraziare in particolare l’assessore provinciale Philipp Achammer ed il consigliere provinciale Gert Lanz: “I due rappresentanti politici hanno contribuito in modo decisivo all’inserimento dei Maestri nell’albo.”

Parimenti soddisfatti i membri dell’Associazione dei Maestri, che vedono la scelta della Giunta Provinciale come un riconoscimento di valore in riferimento alla formazione di Maestro. “In questo modo il titolo di Maestro guadagna sensibilmente in termini di valenza e va ad assumere il medesimo valore di un titolo di studio universitario – ha spiegato il componente del Consiglio dei Maestri Horst Pichler -. Sono sicuro che sapremo mettere a disposizione il nostro know-how nel migliore dei modi.”

 

Prego effettuare il login per poter commentare questo articolo.

Ti informiamo che questo sito utilizza cookie propri tecnici e di terze parti per consentirti una migliore navigazione ed un corretto funzionamento delle pagine web.