Monossido di carbonio: il risultato di una combustione inadeguata

Di recente in Val Passiria si è sfiorato il dramma a causa di una fuoriuscita di monossido di carbonio. La causa di tali incidenti è collegata nella maggior parte dei casi alla mancanza di ossigeno nel processo di combustione.

Le stufe devono essere installate e controllate correttamente. Quando si utilizzano combustibili organici come gas naturale, olio, legno o carbone, il carbonio contenuto brucia con l’ossigeno nell’aria fino a diventare biossido di carbonio (CO2). “Nei casi normali quest’ultimo non rappresenta un pericolo per le persone – ha spiegato il presidente dei Fumisti lvh.apa Christian Gross -. Qualora tuttavia la combustione avvenga in modo incompleto, ovvero senza ossigeno, verrà generato del monossido di carbonio, che è velenoso.” Il monossido di carbonio è più leggero dell’aria presente nell’ambiente e proprio per questo si diffonde velocemente nell’intera stanza e nell’abitazione.
Un caso del genere si è verificato in Val Passiria proprio nei giorni scorsi e solo per poco una donna ed i suoi due figli non hanno perso la vita. “Le fuoriuscite di monossido di carbonio si possono generare a causa di una combustione incompleta nella stufa a gas o a legna, così come nel caso di un utilizzo errato del cliente – ha aggiunto Gross -. Questa eventualità si ha ad esempio strozzando il fuoco all’interno della stufa.” Un controllo elettronico della combustione impedisce in questi casi un’errata gestione dell’impianto. Le stufe che sono state montate da uno specialista dispongono tutte di una fornitura d’aria esterna per la combustione.
“Il mio consiglio ai cittadini è di far installare stufe solo da esperti competenti in stufe in maiolica ed in grado di rilasciare una dichiarazione di conformità – ha concluso Gross -. Gli impianti datati dovrebbero essere controllati il più possibile dagli addetti ai lavori per verificare che non ci siano perdite. Il monossido di carbonio è un gas pericoloso, che non deve assolutamente essere presente nell’ambiente domestico.”

Prego effettuare il login per poter commentare questo articolo.

Ti informiamo che questo sito utilizza cookie propri tecnici e di terze parti per consentirti una migliore navigazione ed un corretto funzionamento delle pagine web.