Menu close
A cosa sei interessato?
IT
Home > Operatrici economiche oltre la crisi
News

Operatrici economiche oltre la crisi

07/03/2022 |

La crisi determinata dal Covid-19 ha colpito in particolare le donne autonome. Eppure questa categoria ha saputo affrontare quotidianamente la sfida della conciliabilità tra famiglia e lavoro, facendo valere una qualità cruciale come la resilienza. La presidente provinciale delle Donne nell’Artigianato lvh.apa Petra Holzer e la componente della consulta provinciale dei Giovani Artigiani lvh.apa Priska Reichhalter hanno risposto ad alcune domande in vista della Festa della donna in programma l’8 marzo.

Signora Holzer, Lei è alla guida delle Donne nell’Artigianato di lvh.apa. Come avete vissuto gli ultimi due anni?
Purtroppo la pandemia ci ha riportate al passato per quanto concerne la suddivisione dei ruoli. Da un giorno all’altro le donne hanno dovuto riunire tutte le proprie attività. Niente è diventato più pianificabile, perché la situazione avrebbe potuto cambiare ogni giorno. Soprattutto all’inizio della pandemia abbiamo dovuto fare i conti con tanta paura e incertezza.

Quali sono state le principali sfide?
La sfida più significativa ha riguardato la conciliabilità tra famiglia e lavoro. Accudire i bambini quando si sono verificate le chiusure delle scuole, ad esempio, è stato molto difficile. Nella maggior parte dei casi le famiglie si sono organizzate autonomamente. Il tutto senza dimenticare la mancanza di contatti sociali per bambini e adolescenti, così come le limitazioni della vita familiare e sociale.

Quali aspetti positivi hanno potuto maturare le operatrici economiche dalla crisi Covid-19?
All’inizio della pandemia le donne hanno avuto l’opportunità di occuparsi di cose che tradizionalmente rimangono indietro. Si è trattato di una buona occasione per pensare a modelli lavorativi flessibili e per offrire una flessibilità ancora maggiore. Anche il tempo libero è stato utilizzato diversamente. Credo che il ruolo delle donne, intese come partner, madri e operatrici economiche, sia ora maggiormente considerato.

Signora Reichhalter, Lei è componente della consulta provinciale dei Giovani Artigiani lvh.apa. Cosa hanno appreso le giovani operatrici economiche dalla crisi?
Prima di tutto, che nulla a mondo può essere dato per scontato e che niente è per sempre. Allo stesso modo, abbiamo anche visto che ogni crisi rappresenta un'opportunità. Molti hanno sperimentato nuove idee, ambiti operativi e miglioramenti in questo periodo, si pensi solo alla digitalizzazione. Da qui, il rinomato detto: raramente c'è un vantaggio senza uno svantaggio e viceversa. Anche la crisi Covid-19 non ha fatto eccezione.

Come possiamo motivare ancora di più le donne ad aspirare a posizioni di leadership?
Prima di tutto, penso alla conciliabilità tra famiglia e carriera. Forse bisognerebbe mostrare come sia possibile seguirli entrambi. E se ci sono troppo poche possibilità di questo tipo bisogna crearle, come nel caso di orari concilianti per le famiglie. C'è anche bisogno di una rete tra le donne per motivarsi, confrontarsi e sostenersi a vicenda. In generale, le donne in posizioni apicali dovrebbero ottenere più visibilità e bisognerebbe valorizzare i punti di forza delle donne che sono leader.

Quali condizioni quadro dovrebbero essere migliorate per le donne lavoratrici in Alto Adige?
In primo luogo servirebbe migliorare la conciliabilità tra famiglia e lavoro. Penso in particolare a opportunità di lavoro a domicilio e part-time, anche in posizioni apicali. Un grande problema per le molte donne che lavorano a tempo parziale è la pensione. Con il calcolo esclusivamente contributivo delle pensioni, i dipendenti a tempo parziale sono enormemente svantaggiati. C'è bisogno di un miglioramento anche in tema di genitorialità. Il divario tra i dipendenti pubblici e il settore privato è ancora troppo ampio.

Nelle foto – 1) Pe Petra Holzer (Garage Europa Holzer) – Presidente provinciale delle Donne nell’Artigianato di lvh.apa.               
Foto 2: Priska Reichhalter (Treppenbau Reichhalter) – Componente della consulta provinciale dei Giovani Artigiani lvh.apa.

Hai altre domande?
1
/
1
Operatrici economiche oltre la crisi