Menu close
A cosa sei interessato?
IT
Home > Trasporto studenti: le conseguenze della pandemia si percepiscono ora

Trasporto studenti: le conseguenze della pandemia si percepiscono ora

05/09/2022 |

In contemporanea con l’inizio della scuola, oggi ripartirà a livello locale anche il servizio di trasporto studenti, pronto ad essere gestito anche quest’anno dal Consorzio degli Autonoleggiatori altoatesini (CAA). “L’organizzazione sta tuttavia presentando alcune difficoltà – ha sottolineato il presidente del CAA Martin Plattner.

Ormai da diversi anni il consorzio locale CAA garantisce con affidabilità e competenza il trasporto scolastico per tutti gli alunni che non possono utilizzare i mezzi pubblici. Ogni anno, circa 4.000 studenti vengono trasportati da casa a scuola e viceversa. Quest'anno il CAA sta tuttavia affrontando per la prima volta alcune difficoltà legate alla situazione del mercato.

Il presidente del CAA Martin Plattner ha spiegato lo stato delle cose: "Durante la pandemia, numerose ditte di autonoleggio hanno interrotto o ridotto notevolmente la propria attività. Di conseguenza, in tutta la provincia mancano le aziende, i veicoli e gli autisti necessari per svolgere il servizio di trasporto studenti. Molte realtà economiche stanno tuttora lottando con le conseguenze della pandemia e del contestuale crollo registrato dal settore negli ultimi due anni. Il comparto si è ripreso con grande fatica ed ancora oggi diversi lavori secondari sono solo temporanei.”

A questo aspetto vanno aggiunti la crisi energetica ed un problema "statale": un decreto nazionale ha vietato la concessione di nuove autorizzazioni per le ditte di autonoleggio dal 2019. "Attualmente ci troviamo nella situazione in cui molte aziende stanno abbandonando il mercato, senza che al loro posto ne arrivino di nuove – ha evidenziato Plattner, spiegando le conseguenze con un esempio concreto -. In Val d'Ultimo numerose realtà di piccole dimensioni non si incaricano più di svolgere il servizio di trasporto studenti, mentre un’azienda di autonoleggio più grande sarebbe disponibile, ma non riceve alcuna autorizzazione. In altri comuni non ci sono invece più aziende, quindi bisogna cercare operatori economici provenienti da altri luoghi.”

Con l’inizio della scuola, alcuni servizi potrebbero dunque non essere coperti. "Nonostante gli ultimi due anni difficili e l'attuale situazione di mercato, siamo riusciti ancora una volta a coprire oltre il 95% dei servizi con tempestività grazie ai nostri associati – ha concluso Plattner -. Il CAA, in stretta collaborazione con l'Ufficio per il trasporto di persone, l'Ufficio per l'assistenza scolastica e gli enti locali, sta cercando di trovare una soluzione per il restante 5% nel più breve tempo possibile.”

Foto: Conseguenze post-Covid ancora sentite nel settore degli autonoleggiatori © Hannes Niederkofler

Hai altre domande?
1
/
1
Trasporto studenti: le conseguenze della pandemia si percepiscono ora