Assemblea circondariale della Bassa Atesina: focus sull’artigianato

Foto Assemblea circondariale Bassa AtesinaTematiche come formazione, mancanza di forza lavoro qualificata, prospettive nell’artigianato e non solo hanno caratterizzato quest’anno l’assemblea circondariale lvh.apa della Bassa Atesina. Numerosi gli artigiani e gli ospiti d’onore intervenuti all’incontro.

L’appuntamento 2019 con l’assemblea circondariale della Bassa Atesina si è svolto nella ditta Rothoblaas di Cortaccia. A salutare i numerosi associati ed ospiti d’onore intervenuti è stato il presidente circondariale della Bassa Atesina Herbert Christoforetti. L’operatore economico ha quindi ripercorso brevemente l’attività dell’ultimo anno, soffermandosi anche sulla realtà attuale dell’artigianato altoatesino: “Nel nostro settore la situazione degli incarichi è al momento positiva – ha spiegato Christoforetti -. È però cruciale che le aziende si occupino di un’adeguata formazione degli apprendisti. Proprio per questo la politica deve provvedere ad un miglioramento delle condizioni generali.” All’assemblea ha preso parte anche il presidente lvh.apa Martin Haller, il quale ha avuto modo di congratularsi con il presidente circondariale per il grande sostegno e l’ottima collaborazione. Lo stesso Haller si è peraltro trovato pienamente d’accordo con le parole di Christoforetti: “È cruciale che la politica agisca di concerto con l’associazione per ottenere delle condizioni generali di valore.” Il presidente ha quindi informato i presenti sulle tematiche più attuali ed interessanti per l’artigianato.

La parola è quindi passata all’assessore provinciale Philipp Achammer, il quale si è concentrato sulle prospettive nei comparti del lavoro, della formazione e dell’economia, portando i dati relativi alla quota occupazionale in Alto Adige ed in Italia: “La nostra provincia si trova intorno all’80%, il resto d’Italia viaggia tra il 67 ed il 69% - ha dichiarato l’assessore -.

Il tasso di disoccupazione in Alto Adige è decisamente basso ed al momento si attesta al 2,9%. La quota a livello nazionale è invece del 10,8%.” Da aprile 2018 ad aprile 2019 il numero totale delle aziende è viceversa cresciuto dello 0,3%. Tra gli obiettivi primari di Achammer vi è la lotta alla disoccupazione giovanile: “In Italia la quota tra i 15 ed i 24 anni è superiore al 40%. Nei paesi in cui la formazione professionale ha successo, vi sono meno adolescenti disoccupati.” Il consigliere provinciale e regionale Gert Lanz ha viceversa informato i presenti in merito alla propria attività in Consiglio e si è concentrato sulla tematica della formazione: “In tutti i settori esiste la possibilità di garantire ai giovani una formazione – ha affermato Lanz -. L’importante è perseguire obiettivi comuni ed accettare le sfide.”

Nel corso dell’incontro il titolare della ditta Rothoblaas, Robert Blaas, ha ripercorso insieme ai presenti la storia della propria azienda.

 

 

 

 

 

Prego effettuare il login per poter commentare questo articolo.

Ti informiamo che questo sito utilizza cookie propri tecnici e di terze parti per consentirti una migliore navigazione ed un corretto funzionamento delle pagine web.