Obbligo di tachigrafo: in previsione un’eccezione per gli artigiani

Il Parlamento UE ha stabilito nuove regole per i trasportatori. Dopo le veementi critiche da parte degli artigiani sono state previste delle eccezioni per il settore. Grazie alla disposizione in oggetto sono stati scongiurati ulteriori carichi burocratici per le PMI.

Il tachigrafo digitale. Numerose ditte artigiane possono tirare un sospiro di sollievo. Se da un lato Bruxelles ha annunciato la futura estensione ai veicoli tra le 2,4 e le 3,5 tonnellate dell’obbligo di installare un tachigrafo digitale, dall’altro i trasportatori di merci operanti nell’artigianato saranno soggetti a delle eccezioni. La misura è stata introdotta con la volontà di regolare in maniera adeguata l’aumento del traffico di merci transfrontaliero nella fascia di peso in oggetto.

“Gli artigiani che non sono ditte di spedizione o trasporto dovrebbero di base venire esclusi da questo regolamento – ha affermato il presidente dei Trasportatori di merci lvh.apa Elmar Morandell -. Del resto le nostre aziende non hanno bisogno di un tachigrafo digitale, ma di mezzi funzionanti e di meno restrizioni.”

L’eccezione all’obbligo del tachigrafo è stata ottenuta a seguito di un duro intervento da parte delle associazioni economiche europee e delle camere dell’artigianato, che sono riuscite a raggiungere un compromesso. In futuro l’obbligo di tachigrafo in Italia riguarderà unicamente i viaggi con mezzi di almeno 3,5 tonnellate, mentre il limite scenderà a 2,4 tonnellate per i viaggi oltre i confini. I mezzi fino a 7,5 tonnellate sono esclusi dal suddetto obbligo qualora siano in viaggio in un raggio di 150 km dalla sede della propria azienda. Finora la distanza prevista era di 100 km. Anche i piccoli trasportatori sotto le 3,5 tonnellate non dovranno registrare digitalmente i propri viaggi per incarichi in Italia, così come i mezzi del settore edile fino a 44 tonnellate che si trovino nel raggio di 100 km dalla sede aziendale. “Sono state delle trattative molto complesse – ha affermato il presidente di lvh.apa Martin Haller -. Su questa tematica la nostra associazione è intervenuta anche attraverso il Parlamentare UE Herbert Dorfmann.” Alla fine, con l’introduzione dell’eccezione in oggetto i politici europei hanno dimostrato di possedere senso della realtà. Come prossimo passo il Consiglio Europeo si esprimerà in riferimento alle novità in oggetto. Successivamente la proposta di legge verrà approvata.

Prego effettuare il login per poter commentare questo articolo.

Ti informiamo che questo sito utilizza cookie propri tecnici e di terze parti per consentirti una migliore navigazione ed un corretto funzionamento delle pagine web.