Cura del corpo e servizi: le chiusure non sono sostenibili

Le decisioni della politica locale hanno penalizzato ancora una volta duramente il settore Cura del corpo e servizi: il comparto, già duramente colpito in primavera, si è visto costretto a tenere nuovamente chiuse le porte dei propri saloni. “Questa decisione non è sostenibile per le aziende da un punto di vista economico – hanno affermato congiuntamente i rappresentanti di lvh.apa e di CNA-SHV -. È necessario che la politica venga urgentemente incontro alle aziende del settore.”

Fußpflege Schönheitspfleger großLa cura dei piedi – Per molti un servizio imprescindibile.
In primavera il comparto Cura del corpo e servizi è stato uno dei più colpiti dalla crisi Covid-19. Le aziende del comparto sono state tra le prime a dover chiudere e tra le ultime quando si è trattato di poter riaprire i battenti. Un destino che pare ripetersi anche con la seconda ondata del virus. “Non possiamo limitarci ad accettare questa decisione – ha affermato il presidente di lvh.apa Martin Haller -. Stiamo parlando principalmente di realtà di piccole dimensioni, per le quali un’ulteriore chiusura è assolutamente insostenibile da un punto di vista economico. Chiediamo che la politica venga incontro a queste aziende. Le possibilità sono due: un adeguamento della situazione o un indennizzo per le ditte colpite da questo provvedimento.”
„Non è stata riconosciuta la professionalità delle nostre aziende – afferma Claudio Corrarati, presidente di CNA-SHV - e i danni che si stanno creando sono irreparabili. Per questo il sostegno economico è urgentissimo e servirà per compensare costi fissi aziendali, liquidità mancante e anticipo della cassa integrazione, in un mese in cui le imprese devono sostenere molti oneri fiscali.”
La chiusura delle aziende appartenenti al settore Cura del corpo e servizi significa peraltro far venire a mancare importanti servizi. Un esempio? La cura dei piedi per le persone anziane, per i soggetti diabetici o per gli individui con disabilità. “Reperire una soluzione immediata per questi interventi urgenti è indispensabile – ha affermato la presidente delle Estetiste lvh.apa Karin Ploner -. Da un lato per non mettere a rischio la salute dei nostri clienti e dall’altro per non penalizzare ulteriormente il sistema sanitario. Proprio per questo sarebbe auspicabile prevedere un’eccezione per questa attività.”

Prego effettuare il login per poter commentare questo articolo.

Ti informiamo che questo sito utilizza cookie propri tecnici e di terze parti per consentirti una migliore navigazione ed un corretto funzionamento delle pagine web.