Elezioni comunali: in corsa anche 239 candidati dell‘artigianato

 

Le ultime settimane hanno evidenziato quanto una rappresentanza d’interessi forte sia importante ad ogni livello. Non a caso ben 239 candidati provenienti dal mondo dell’artigianato hanno deciso di mettersi in gioco nelle elezioni comunali in programma a settembre. Il loro obiettivo è impegnarsi per sostenere al meglio l’economia, le aziende locali ed in generale il proprio comune di appartenenza.

Il presidente di lvh.apa Martin Haller. - Foto: Florian AndergassenIl presidente di lvh.apa Martin Haller. - Foto: Florian AndergassenSolo chi partecipa potrà poi dire la sua. Un dato di fatto che assume una valenza ancor più effettiva quando si parla di elezioni comunali. Proprio per questo l’artigianato altoatesino deve essere rappresentato nel migliore dei modi all’interno dei diversi consigli comunali, ovvero nei luoghi in cui possono essere fatte valere richieste, soluzioni concrete e conoscenze pratiche in merito alle decisioni da assumere. A tal proposito, rappresentanti politici provenienti dall’artigianato garantiscono un arricchimento non solo per il settore, bensì per tutti i cittadini. Nella maggior parte dei casi la politica a livello comunale è infatti incentrata su aspetti concreti: quasi sempre non si parla di grandi ideologie, bensì di problematiche effettive che necessitano di soluzioni pratiche. “Ed è proprio in questo contesto che le conoscenze tecniche e soprattutto l’esperienza quotidiana degli artigiani possono risultare decisive – ha affermato il presidente di lvh.apa Martin Haller -. Gli artigiani lavorano ogni giorno puntando al risultato da raggiungere e spesso lo fanno con poco tempo a disposizione. Agiscono come operatori economici, si assumono responsabilità anche in favore dei propri collaboratori e sono costantemente in contatto con altre persone. Il tutto senza dimenticare la funzione di esempi e veri e propri formatori nei confronti dei giovani.”

239 candidati ai nastri di partenza

Complessivamente saranno 239 i candidati provenienti dall’artigianato che si metteranno a disposizione in occasione delle prossime elezioni comunali, in programma il 20 ed il 21 settembre. Tra loro anche 27 addetti ai lavori in corsa per il ruolo di sindaco. Si parla di operatori economici provenienti da ogni parte della provincia ed operativi nelle professioni più disparate. Diversi anche i partiti e le liste civiche all’interno dei quali gli artigiani si candideranno. “Sono davvero felice che anche quest’anno così tante persone, tra cui molti giovani, abbiano deciso di scendere in campo per l’artigianato – ha aggiunto Haller -. Si tratta di un segnale chiaro: gli artigiani sono pronti ad assumersi le proprie responsabilità quando si parla del futuro del proprio comune. Queste persone non hanno solo grandi capacità, ma anche un’esperienza invidiabile. Auguro a tutti di centrare i propri obiettivi e spero che insieme riusciremo a dare nuova linfa all’economia in questo difficile periodo!”

 

Prego effettuare il login per poter commentare questo articolo.

Ti informiamo che questo sito utilizza cookie propri tecnici e di terze parti per consentirti una migliore navigazione ed un corretto funzionamento delle pagine web.