Meccatronici e Carrozzieri restano aperti

L’ordinanza del Presidente della Giunta Provinciale n° 69/2020 permette la prosecuzione dell’attività nel settore dell’autoriparazione. Di conseguenza i clienti possono portare il proprio mezzo in officina per le diverse tipologie di lavori. Carrozzieri e meccatronici possono svolgere ogni tipo di riparazione e possono ritirare i veicoli dai clienti.

Al lavoro in autofficina. - Foto: Hannes NiederkoflerAl lavoro in autofficina. - Foto: Hannes NiederkoflerIn base all’ultimo decreto del Presidente della Giunta Provinciale, il lavoro dei meccatronici e dei carrozzieri fa parte delle attività produttive principali e di conseguenza gli addetti ai lavori del settore possono svolgere tutte le attività connesse. “Siamo molto felici che i clienti possano continuare a portare il proprio veicolo nell’autofficina più vicina per consentire lo svolgimento delle riparazioni, delle manutenzioni, delle revisioni, del cambio gomme e dei lavori sulla carrozzeria necessari – ha affermato il presidente dei Meccatronici lvh.apa Ronnie Mittermair -. Qualora il cliente lo desideri, possiamo anche provvedere al ritiro ed alla riconsegna del mezzo a domicilio. L’importante è che non vi siano dei contatti diretti. Le auto devono essere predisposte con il dovuto anticipo per la stagione invernale, in modo tale da poter essere pronte all’uso una volta concluse le limitazioni.” I clienti possono far svolgere le riparazioni su auto, camion, moto e macchine agricole. Al contempo le autofficine possono continuare ad effettuare anche le verifiche necessarie per la revisione. 

Il numero totale delle persone operanti in azienda non viene limitato direttamente dal decreto, ma la ditta deve garantire che il contatto personale con i clienti venga limitato il più possibile. “Rispetteremo nel dettaglio le misure esistenti in tema di igiene e le distanze necessarie tra le persone – ha sottolineato la presidente dei Carrozzieri lvh.apa Sara Perathoner -. A tal proposito ci occuperemo anche di garantire la presenza di un numero sufficiente di dispositivi di sicurezza.” Anche l’igiene verrà rispettata nel dettaglio: per tutelare i dipendenti i mezzi verranno puliti prima dello svolgimento dei lavori ed una nuova pulizia avverrà anche prima della consegna al cliente. “La disinfezione dell’intero abitacolo si può svolgere attraverso degli apparecchi che producono ozono – ha spiegato la Perathoner -. Se utilizzati nel modo corretto questi macchinari non si limitano a neutralizzare i virus, bensì liberano anche i condizionatori da cattivi odori, germi e batteri.”

Prego effettuare il login per poter commentare questo articolo.

Ti informiamo che questo sito utilizza cookie propri tecnici e di terze parti per consentirti una migliore navigazione ed un corretto funzionamento delle pagine web.