Green Pass: in arrivo alcune importanti semplificazioni per le aziende

 

L’associazione nazionale Confartigianato sta attualmente operando per modificare il testo relativo al decreto legge n° 127/2021 sul cosiddetto Green Pass. Un'importante proposta di emendamento è stata approvata in via provvisoria dalla commissione competente del Senato e si attende ora il benestare della sessione plenaria.

 green q groß

L’obbligo di Green Pass continua a determinare una situazione complicata per numerose aziende artigiane altoatesine. Per poter proseguire nello svolgimento dell’attività quotidiana e degli incarichi da portare a termine, i datori di lavoro hanno infatti la responsabilità di controllare il Green Pass dei propri collaboratori. Fortunatamente, a breve potrebbero arrivare alcuni significativi sgravi proprio in relazione a questo obbligo di verifica. Confartigianato si è infatti attivata per presentare una proposta di modifica sulla tematica. L’innovazione messa sul tavolo dai vertici nazionali dell’associazione prevede l’opportunità per i dipendenti di fornire ai propri datori di lavoro una copia del proprio Green Pass: in questo modo gli stessi datori di lavoro sarebbero esentati dal controllo sino alla scadenza del documento. “Questa modifica consentirebbe di semplificare le verifiche attualmente previste da parte del datore di lavoro, garantendo al contempo una prosecuzione continuativa dell’attività aziendale – ha affermato il presidente di lvh.apa Martin Haller -. Qualora l’emendamento diventasse definitivo, le realtà economiche verrebbero sgravate in modo significativo dai controlli giornalieri.”

Un’ulteriore proposta di modifica riguarda l’eventualità di non imporre più sanzioni nel caso in cui la validità del Green Pass scada durante l’orario di lavoro. In particolare i collaboratori in oggetto dovrebbero avere l’opportunità di terminare i propri incarichi prima di lasciare il posto di lavoro. Diversi miglioramenti sono infine possibili in riferimento ai contratti a tempo determinato stipulati per sostituire i lavoratori privi di Green Pass: la durata massima dovrebbe essere fissata a dieci giorni di lavoro, contestualmente con l’abolizione della limitazione ad una sola proroga. “Ci auguriamo che tali proposte vengano approvate in questa forma dal Senato – ha concluso Haller -. Ciò garantirebbe degli sgravi significativi per le nostre aziende.”

Nella foto: Al lavoro durante la pandemia - Fonte: lvh.apa/Hannes Niederkofler.

 

Prego effettuare il login per poter commentare questo articolo.

Ti informiamo che questo sito utilizza cookie propri tecnici e di terze parti per consentirti una migliore navigazione ed un corretto funzionamento delle pagine web.